CLA: Acido Linoleico Coniugato

13,00 

90 Perle

Descrizione

ACIDO LINOLEICO CONIUGATO (CLA)

L’Acido linoleico coniugato è un acido grasso polinsaturo che si trova naturalmente nell’olio di cartamo e in molti prodotti animali. Il CLA è un composto prodotto durante la ruminazione degli animali dove viene sintetizzato dai batteri a partire dall’acido linoleico. Il CLA può anche essere sintetizzato nei non ruminanti e si trova in fonti di carne non ruminanti.
Al CLA sono state attribuite numerose proprietà fisiologiche, tra cui l’azione come agente antiadipogenico, antidiabetogenico, anticancerogeno e antiaterosclerotico. Inoltre, il CLA ha effetti sulla formazione delle ossa e sul sistema immunitario, nonché sul metabolismo degli acidi grassi e dei lipidi e sull’espressione genica in numerosi tessuti.

ACIDO LINOLEICO CONIUGATO E COMPOSIZIONE CORPOREA

STUDI ANIMALI

Una pletora di dati dimostra che l’acido linoleico coniugato modula la composizione corporea, in particolare riducendo l’accumulo di tessuto adiposo, negli animali da esperimento. Nei topi, nei ratti, nei maiali e nell’uomo, il CLA alimentare riduce i depositi di tessuto adiposo. I primi lavori che hanno dimostrato l’effetto di riduzione della massa adiposa del CLA sono stati eseguiti in topi in crescita. I topi post-prandiali (di 6 settimane) sono stati alimentati con una dieta contenente CLA per 28-32 giorni. La massa totale del tessuto adiposo è stata ridotta di oltre il 50% rispetto ai topi alimentati con una dieta di controllo (senza CLA).
Un ulteriore lavoro ha dimostrato che la riduzione dell’adiposità ottenuta con la dieta a base di CLA poteva essere mantenuta nei topi anche dopo la rimozione del CLA dalla dieta. Studi successivi su topi non obesi hanno dimostrato che alcuni depositi di massa grassa, in particolare le masse di tessuto adiposo bianco retroperitoneale ed epididimale e il tessuto adiposo bruno, potrebbero essere più sensibili alle riduzioni mediate dal CLA.

MECCANISMO D’AZIONE

I meccanismi per cui il CLA riduce l’adiposità negli animali magri, e forse anche nell’uomo, potrebbero ruotare attorno a vie che regolano il dispendio energetico. Infatti, la somministrazione di una dieta semi-purificata contenente CLA (1,0%) a topi maschi AKR/J per 6 settimane ha determinato un aumento significativo dei tassi metabolici e una riduzione dei quozienti respiratori notturni. Quando ai topi Std ddY è stato somministrato per via gavale il CLA (5 ml/kg di peso corporeo), l’aumento del consumo di ossigeno è stato associato a un incremento significativo dell’ossidazione dei grassi, ma non dei carboidrati. Si ritiene che la base cellulare della maggiore ossidazione dei lipidi non richieda la β-ossidazione perossisomiale.

Poiché anche gli ormoni noradrenalina e adrenalina erano significativamente più alti nei topi sottoposti a gavage con CLA, i dati suggeriscono che il CLA aumenta l’attività nervosa simpatica che porta a un aumento del metabolismo energetico e a un’eventuale riduzione della massa del tessuto adiposo. La capacità del CLA di ridurre la massa del tessuto adiposo è stata anche collegata all’induzione dell’apoptosi e/o della differenziazione degli adipociti. L’induzione dell’apoptosi da parte del CLA si è verificata in colture di preadipociti. Inoltre, topi di sesso femminile alimentati con una dieta con CLA all’1,0% per 8 mesi hanno mostrato un aumento dell’apoptosi nei tessuti adiposi bruni e bianchi.

CLA E SALUTE CARDIOVASCOLARE

È sempre più evidente che il CLA riduce la formazione di placche aterosclerotiche negli animali da esperimento. Quando il CLA (0,5 g/coniglio/giorno) è stato aggiunto a una dieta ipercolesterolemizzante e somministrato a conigli per 12 settimane, i livelli di trigliceridi e di colesterolo delle lipoproteine a bassa densità nel siero si sono ridotti significativamente rispetto ai conigli alimentati con una dieta priva di CLA. Un aspetto importante per il rischio di malattie cardiache è che l’aorta dei conigli alimentati con la dieta contenente CLA ha mostrato una minore formazione di placche aterosclerotiche.

In uno studio successivo, i criceti sono stati alimentati con una dieta con o senza CLA per indurre l’ipercolesterolemia. La dieta con CLA (1,0%) ha ridotto il colesterolo totale plasmatico, il colesterolo delle lipoproteine non ad alta densità (LDL) e l’aterosclerosi aortica precoce rispetto alla dieta con linoleato.

STUDI SULL’UOMO

Gli effetti del CLA sulle proprietà trombotiche delle cellule del sangue sono stati studiati in piastrine coltivate in vitro e in soggetti umani. Nelle piastrine in coltura, CLA, c9t11-CLA e t10c12-CLA hanno inibito l’aggregazione piastrinica indotta da collagene o arachidonato. Questi risultati sono stati associati a una riduzione della produzione dei prodotti pro aggregativi della ciclossigenasi 14C-arachidonato, 14C-tombossano A2 e 14C-trombossano-B2. In soggetti umani integrati con CLA (3,9 g/die) o placebo per 93 giorni, non sono state riscontrate differenze nell’aggregazione piastrinica o nel tempo di protrombina.

Per migliorare la condizione delle tue vene e arterie vedi anche Vene e Arterie.

Ingredienti e tenore giornaliero: olio di cartamo (Carthamus tinctorius, semen) 3000 mg di cui acido linoleico coniugato 2400 mg; perla di gelatina morbida, glicerina.

Modalità d’uso: 3 perle al giorno durante i pasti principali.

Nota: le informazioni contenute in questa scheda non intendono né possono sostituire i consigli del medico, al quale spetta qualsiasi prescrizione ed indicazione terapeutica. Queste informazioni sono destinate esclusivamente alle persone qualificate nei settori della medicina, alimentazione e farmacia (art. 6 comma II del DL. 111 del 27/01/1992) e non devono essere assolutamente divulgate ai consumatori nel rispetto dei regolamenti CE/1924/2006 e CE/432/2012.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “CLA: Acido Linoleico Coniugato”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *