La pulizia dei vasi sanguinei

Spesso non ci si rende conto che le patologie che conseguono all'arteriosclerosi, quali “gambe da vetrine” (claudicazione intermittente), angina pectoris e infarto, indicano solamente i sintomi di un processo incalzante iniziato molto prima. "Gambe da vetrine" è la denominazione popolare per un'affezione in cui il paziente, in seguito ad una cattiva circolazione arteriosa delle gambe, avverte un dolore ai polpacci dopo aver camminato per un certo tempo. Se si ferma un momento, ad esempio per guardare una vetrina, il dolore solitamente ben presto scompare.

Nel caso di angina pectoris si tratta di una circolazione insufficiente del muscolo cardiaco, per cui ogni sforzo provoca un dolore al torace. Si verifica un infarto qualora la circolazione sanguigna venga ridotta in modo tale da danneggiare parte del tessuto cardiaco. Dal momento che, applicando il programma della pulizia dei vasi sanguigni descritto nel presente opuscolo, viene migliorata l'irrorazione sanguigna degli organi e viene inoltre attivata la forza di recupero del proprio organismo, il nostro “medico interiore” ci si manifesta allo stesso tempo con un miglioramento delle condizioni generali del nostro corpo. Ci si sente cioè più attivi e più giovani e si acquista maggiore resistenza contro i processi delle malattie e dell'invecchiamento.

I nostri vasi sanguigni costituiscono un sistema di 'tubi' di una lunghezza complessiva di ben 95.000 chilometri. Essi forniscono un sistema di trasporto molto efficiente e reticolare che si ramifica in tutto il corpo. Dal centro di questo sistema, il sangue viene pompato attraverso le arterie per mezzo del cuore verso tutte le parti del corpo. Queste arterie hanno una parete robusta ed elastica per cui possono resistere ad alte pressioni e possono, a seconda del bisogno, restringersi e allargarsi in modo che il flusso sanguigno possa sempre adeguarsi alle esigenze del momento. In questa maniera tutti i nostri organi e le nostre cellule vengono costantemente provvisti della giusta quantità di ossigeno e di alimenti, ciò avviene però solo nel caso in cui i nostri vasi sanguigni siano sani. Dopo il rilascio dell'ossigeno e l'assunzione dell'anidride carbonica e di altri materiali di rifiuto, il sangue ritorna al cuore attraverso le vene (vasi sanguigni con una parete più sottile). Prima di venir pompato di nuovo nel corpo, il sangue passa nei polmoni dove l'anidride carbonica viene espirata e nuovo ossigeno viene assunto.

Gli ulteriori materiali di rifiuto vengono tolti dal sangue da parte dei reni e in seguito espulsi attraverso la vescica urinaria. Si capisce chiaramente che se le arterie col crescere degli anni si restringono, il che oggi e piuttosto regola che eccezione, le nostre cellule sono soggette ad un deficit di ossigeno e di alimenti e ad un ristagno nell'eliminazione dei rifiuti.

Benché il restringimento e l'indurimento delle arterie, affezione denominata scientificamente aterosclerosi e arteriosclerosi, risulti oggi un male molto comune che inizia gia in età giovanile, tuttavia non rappresenta un fenomeno inevitabile che si debba assolutamente accettare. Le malattie cardiovascolari rappresentano attualmente nei Paesi Bassi la prima causa di morte e sono responsabili del 40% dei decessi. Per un quarto dei casi la morte e dovuta ad infarto cardiaco, affezione causata da una circolazione sanguigna per mezzo del muscolo cardiaco insufficiente a causa del restringimento dei vasi sanguigni. Un restringimento dei vasi sanguigni non e comunque inevitabile ne di sicuro 'naturale'.

Un metodo di pulizia naturale

La pulizia dei vasi sanguigni mediante nutrienti integrativi, ossia supplementi alimentari, e un metodo correttivo della salute realizzato attraverso le indagini di molti medici e dietisti. Questo metodo, basato sull'applicazione delle visioni scientificamente più moderne in merito all'origine delle malattie cardiovascolari, viene raccomandato in particolare per prevenire il pericoloso restringimento dei vasi sanguigni. Le possibilità auto curative dell'organismo, stimolate in questo modo, risultano talmente forti che durante i numerosi anni di attuazione della pulizia dei vasi sanguigni si sono verificati risultati eccellenti e qualche volta perfino sbalorditivi, anche in pazienti in cui i vasi erano gia gravemente ristretti.

Soprattutto le persone con “gambe da vetrine” e con angina pectoris avvertono per mezzo della pulizia dei vasi sanguigni una notevole diminuzione dei loro disturbi. Altri casi di miglioramenti importanti sono noti in affezioni diverse quali cataratte, diabete mellito, mani e piedi freddi e pressione arteriosa alta. Si sono potuti constatare miglioramenti nelle anomalie della cornea, nelle infezioni micotiche alle unghie, nei problemi prostatici, nell'impotenza, nei disturbi alle articolazioni, nelle vene varicose, nella demenza arteriosclerotica, nel battito cardiaco irregolare e perfino nei casi di gangrena, affezione questa in cui certe parti dell'organismo vivente muoiono, per esempio a causa di una circolazione insufficiente. Spettacolare l'esempio di un uomo al quale fu consigliata l'amputazione della gamba destra a causa di gravi disturbi circolatori. Dopo un programma di pulizia dei vasi sanguigni riuscì a camminare talmente bene da essere in grado di esercitare normalmente lo sport del golf.

II miglioramento delle condizioni e stato confermato anche per mezzo delle ricerche di laboratorio. In molti casi risultava, con vari metodi di ricerca in cui i vasi venivano evidenziati, che dopo alcuni mesi di cura gli ostacoli nei vasi sanguigni erano diminuiti notevolmente e che l'irrorazione sanguigna nei tessuti era fortemente aumentata. II programma di pulizia dei vasi sanguigni descritto nel presente opuscolo è basato sull'uso di nutrienti integrativi all'avanguardia, essi sono contenuti nel Vascovital, che contiene 37 sostanze nutritive diverse. L'effetto complessivo di questa ampia gamma di nutrienti assicura uno stimolo dei meccanismi di difesa e di recupero del nostro organismo tale che viene prevenuto il deposito di grassi e di calcio nella parete vascolare e che vengono rimossi i restringimenti gia esistenti.

Cause dell'epidemia della malattia cardiovascolare

Una carenza dei fattori nutritivi indispensabili é una delle cause principali dell'attuale epidemia di malattie cardiovascolari. All'inizio di questo secolo, quando l'infarto cardiaco era fenomeno pressoché sconosciuto, hanno avuto luogo cambiamenti importanti nel modo di vivere e nelle abitudini alimentari dell'uomo occidentale; ciò ha portato a un forte incremento del bisogno di quei nutrienti che proteggono e riparano i tessuti. Ma invece di provvedere a ciò si è fatto proprio il contrario.

L'inquinamento atmosferico industriale, le emissioni di gas, i pesticidi impiegati nell'agricoltura, le sostanze artificiali per profumi, colore e gusto, i conservanti ed altre sostanze chimiche aggiunte all'alimentazione, hanno aumentato drasticamente il nostro bisogno di vitamine e minerali.

La nostra alimentazione invece di contenere più fattori nutrienti, ne contiene sempre meno rispetto al passato. Questa tendenza viene poi notevolmente rinforzata dalla raffinazione degli alimenti, una terminologia che significa letteralmente perfezionamento alimentare ma potrebbe essere chiamata più giustamente alterazione alimentare. Così come avviene nella raffinazione del grano, intesa a produrre farina bianca “di lusso” in luogo del semplice grano integrale ad alto valore nutritivo. Vengono cioè eliminate proprio quelle parti del chicco di grano che contengono più vitamine e minerali!

Nel corso del ventesimo secolo oltre all'uso di prodotti di grano raffinato si e assistito anche ad un notevole incremento nel consumo dello zucchero. Molti scienziati vedono soprattutto in questo uso eccessivo di zucchero una causa significativa dell'aumento spaventoso dei casi di malattie cardiovascolari.

Il problema della formazione delle placche arteriosclerotiche

Se si guardasse all'interno di un vaso sanguigno affetto da arteriosclerosi si vedrebbe come la sua parete e piena di una specie di brufoli. Cosi come la faccia di un adolescente può essere piena di brufoli, la parete vascolare nelle persone più anziane può essere coperta da tumefazioni a forma di brufolo denominate placche. Man mano che all'interno della parete vascolare si presentano placche in maggior numero e di grandezza maggiore, il flusso sanguigno, e quindi il rifornimento di ossigeno delle cellule, verrà sempre più ostacolato.
Man mano che all'interno della parete vascolare si presentano placche in maggior numero e di grandezza maggiore, il flusso sanguigno, e quindi il rifornimento di ossigeno delle cellule, verrà sempre più ostacolato. Recenti studi hanno permesso di prevenire la formazione delle placche fornendo all'organismo un'ampia quantità di fattori nutritivi che impediscono la degenerazione delle cellule parietali vascolari e che rinforzano il sistema di difesa. Sono proprio questi i fattori nutritivi indispensabili presenti in abbondanza nel Vascovital.

Le acquisizioni della ricerca che hanno messo la scienza in grado di riuscire a districare le cause del restringimento del vasi sanguigni hanno anche aperto la strada alla possibilità di combattere effettivamente quest'affezione mediante sostanze alimentari che puliscono i vasi sanguigni.

La pulizia dei vasi sanguigni non viene raggiunta con un “toccasana” unico ma attraverso una combinazione equilibrata di tutti gli alimenti necessari per rendere e tenere sana la parete vascolare. Questi nutrienti che sostengono vicendevolmente le loro azioni, possono funzionare in senso ottimale solamente se presenti in misura sufficiente. Per questo motivo il Vascovital contiene non meno di 37 nutrienti diversi, selezionati appositamente per prevenire lo sviluppo dell'arteriosclerosi e per demolire le placche arteriosclerotiche già formate.

Parlato