Fucus
Il Punto Sano

Vedi anche: Diuretici , Dimagrimento


Fucus

Fucus - 60 Compresse

  • Codice 123416
  • Peso 0,05 kg.
  • in magazzino

Prezzo: 7,00 €

Quantità

chi ha comprato questo ha comprato anche

Caffè Verde

Caffè Verde

Ananas e Papaya

Ananas e Papaya

Garcinia

Garcinia

Tisana Cellulite e Dimagrante

Tisana Cellulite e Dimagrante

Tisana Ritenzione Idrica

Tisana Ritenzione Idrica

Ginseng e Guaranà

Ginseng e Guaranà

Equilibrio del peso corporeo. Stimolo del metabolismo. Metabolismo dei lipidi. Funzionalità articolare. Azione emolliente e lenitiva (sistema digerente). 

Dettagli

È un'alga della famiglia delle Fucacee che vive nei mari temperato-freddi, ha un disco basale, a ventosa, che serve per fissarsi alle rocce, protendendosi verso la superficie con aerocisti piene d'azoto, collocate alle estremità delle fronde. Ha un tallo di 20 cm, verde e biforcato. La specie Fucus vesciculosus (quercia marina) utilizzata come fertilizzante perché ricca di carbonato di potassio, adatta in particolare alla coltivazione della patata viene utilizzata in erboristeria per preparare dimagranti. Particolarmente ricco in materie minerali, oligoelementi, vitamine, fattori che contribuiscono ad esercitare un'attività depurativa e tonificante metabolica. Il Fucus trova utile impiego all'inizio di una cura dimagrante in quanto, favorendo la funzionalità tiroidea e stimolando il ricambio generale, costituisce, a volte, lo starter del processo di dimagrimento. Le sue "qualità" dimagranti dovute ad una stimolazione endocrina vennero descritte per la prima volta nel 1862 dal medico Duchesne che giustamente le attribuiva alla regolarizzazione del metabolismo dei grassi . Particolarmente indicato è il loro impiego nei casi di soggetti che presentano modeste note di ipofunzionalità tiroidea (soggetto pallido, freddoloso, fiacco) e ritenzione idrosalina poiché, grazie al loro apporto in iodio organico, sono in grado di regolarne la funzionalità. Lo iodio così assunto circola nel sangue sotto forma di ioduro e come tale viene captato dalle cellule tiroidee. Aumentando la concentrazione di ioduro intratiroideo, la sintesi degli ormoni tiroidei può avvenire in modo equilibrato, e solo con dosaggi elevati e prolungati nel tempo si potranno manifestare segni di iperfunzionalità della ghiandola. Sarà tuttavia opportuno valutare sempre la funzionalità tiroidea del nostro paziente per evitare di incorrere in una tireotossicosi. L'utilizzo delle alghe verrà pertanto interdetto agli ipertiroidei e dovrà essere effettuato sempre e comunque sotto stretto controllo medico. L'azione del Fucus, che si inizia ad evidenziare dopo almeno tre settimane di terapia, si localizza principalmente nelle sedi maggiormente ricche in tessuto adiposo (fianchi, cosce ecc.). Il Fucus può essere associato ad altre piante come Pilosella, Betulla ecc. Il Fucus, infine, viene impiegato, in virtù dell'azione endocrina, nella terapia della psoriasi, dermopatia nella cui genesi interviene anche uno squilibrio a carico dei lipidi. L'alginato conferisce una blanda azione lassativa. Secondo Castlemann (1991), l'alginato di sodio presente nel Fucus contribuisce a prevenire l'assorbimento di radionuclidi, quali lo Sr 90 che si sviluppa in seguito alle esplosioni nucleari. L'alginato di sodio, tuttavia, previene soprattutto l'assorbimento dei metalli pesanti di recente ingestione. In America, la Commissione di Regolamentazione Nucleare ha indicato come dose consigliabile 85 g di Fucus v. alla settimana per prevenire l'assorbimento di stronzio [Castlemann M., Le erbe curative, Tecniche Nuove, Milano, 1994, p. 333].

Ingredienti e tenore giornaliero

Fucus Polvere (Fucus vesiculosus L. thallus) 600 mg, fucus estratto secco: 150 mg (equivale a 900 mg di polvere), agente di carica (Cellulosa Microcristallina), indurente (Calcio fosfato dibasico anidro), antiagglomerante (Diossido di Silicio).

Modalità d'uso

3 compresse al giorno, una prima di ogni pasto con un bicchiere d'acqua.

Parlato