pillole

La Vitamina D3 funziona contro il COVID-19

Le proprietà straordinarie della Vitamina D3

30 settembre 2020 / Notizie

Il Dr. Anthony Fauci principale specialista degli Stati Uniti per lo studio delle malattie infettive, ha appena annunciato che sta assumendo la vitamina D per prevenire il Covid 19[1].

Dallo scorso aprile sono stati pubblicati più di 15 studi scientifici che dimostrano il valore della vitamina D per contrastare gli effetti del Covid.

La vitamina D è efficace:

Come prevenzione:

Con un buon apporto di vitamina D è meno probabile contrarre un'infezione: e in caso di infezione, ci sono meno probabilità di essere ricoverato in ospedale.

In caso di ricoverato in ospedale se viene somministrata la vitamina D, ci sono meno probabilità di andare in terapia intensiva e di rischiare la morte!
Inoltre la vitamina D costa poco e non è causa di complicazioni.

Anche prima dei recenti studi, era ovvio che la vitamina D fosse più che promettente.
Sono molte le vitamine che sono facili da assumere, esse non sono costose e sono molto utili contro le infezioni virali invernali; Esse rafforzano il sistema immunitario e rendono l’organismo più resistente alle infezioni respiratorie causate dal coronavirus.

Di tutte le vitamine, la più importante è la vitamina D, ricordo che marzo è il mese dell'anno in cui le riserve di vitamina D sono al loro minimo, a causa della ridotta quantità di radiazione solare che va dal mese di ottobre fino al mese di marzo.

Questo periodo coincide con il picco dell'influenza e del coronavirus, ed proprio questo il momento in cui dobbiamo integrare per ricostituire le nostre riserve!

Uno studio condotto da una casa di cura dell'Università del Colorado ha dimostrato che ingerire una dose di 3.000 UI di vitamina D al giorno (la dose massima consentita dal ministero della salute per gli integratori è di 2000 ui giornalieri) é sufficiente a ridurre del 40% il rischio di infezione respiratoria [2]!
Quindi non aspettate un secondo: prendete 3.000 UI al giorno per almeno i prossimi 3 mesi.
Se siete preoccupati di essere già carenti di vitamina D (meno di 40 nanogrammi/ml nel sangue), iniziate direttamente con 10.000 UI al giorno per 10 giorni, poi 4.000 UI al giorno.

La vitamina D è uno dei rimedi preventivi più promettenti per Covid-19 e le sue complicazioni.
I ricercatori italiani stanno già dando l'allarme: i pazienti italiani più a rischio di complicazioni affetti da covid19, spesso non a caso, sono carenti di vitamina D [3].

Negli Stati Uniti, un ex capo del CDC, la più alta autorità sanitaria americana ha pubblicamente invitato gli americani carenti ad assumere vitamina D contro il coronavirus [4].
E i ricercatori hanno appena pre-pubblicato uno studio che conferma che la vitamina D è un'arma eccellente nella prevenzione dell'influenza, della polmonite e del nuovo coronavirus [5].

L'interesse della vitamina D era ovvio fin dall'inizio, per chi aveva gli occhi aperti e non aveva conflitti di interesse. Non c'era bisogno di essere extra-lucido o di aver fatto 10 anni di studi sulla vitamina D. Nel peggiore dei casi, se l'assunzione contro il Covid19 non ha avuto l’effetto desiderato, non c'è assolutamente nulla da perdere! Al contrario, è sempre una buona cosa compensare una carenza di vitamina D essa è comunque utile contro altre infezioni virali, per le ossa, contro il cancro, per il cuore, e così via.

Il 22 maggio l'Accademia di Medicina ha emesso un comunicato spiegando che la vitamina D dovrebbe essere somministrata ai pazienti covid19, per "alleviare la tempesta infiammatoria e le sue conseguenze" [6].
Ecco cosa ha scritto per esteso l'Accademia di Medicina:

L'Accademia Nazionale di Medicina:


PREVENZIONE:

Con una opportuna assunzione preventiva la vitamina D ridurrebbe il rischio di infezione della metà!

Il più grande studio sulla prevenzione è del 17/09/2020.

È stato pubblicato sulla rivista medica Plos One e ha confermato che le persone che sono le più carenti di vitamina D hanno un rischio maggiore di essere contagiati dal Covid19 [7]!

È abbastanza semplice: su quasi 200.000 pazienti americani, quelli che avevano un eccellente livello di vitamina D nel sangue (oltre 55 ng/mL) avevano la metà delle probabilità di essere positivi al Covid19 rispetto a quelli che erano gravemente carenti (meno di 20 ng/mL).

GrassrootHealth [8], mostra la correlazione: più vitamina D hai nel sangue, meno probabilità hai di risultare "positivo" al test Covid19.

Uno dei massimi esperti mondiali di vitamina D, il professor Michael F. Holick, non ha fatto mistero del suo entusiasmo:
"Se si è carenti di vitamina D, si ha il 54% di probabilità di contrarre un'infezione rispetto a chi non ne è carente. Negli Stati Uniti questo vale in tutti i 50 Stati, per tutte le età, le etnie e le latitudini, Quindi, che tu sia in California, in Florida o in Alaska, è sempre vero" [9].

I ricercatori israeliani hanno trovato esattamente lo stesso risultato [10].
Di quasi 8.000 pazienti testati, quelli con livelli "accettabili" di vitamina D (superiori a 30 ng/mL) avevano la metà delle probabilità di essere Covid-positivi rispetto a quelli che con livelli inferiori a 30ng/mL ne erano carenti,

Anche i ricercatori svizzeri sono giunti alla stessa conclusione: "L'integrazione di vitamina D potrebbe essere una misura utile per ridurre il rischio di infezione" [11].

Anche in questo caso, non è una sorpresa.

Gli scienziati conoscevano già l'efficacia della vitamina D contro le infezioni respiratorie. Nel 2017, una revisione degli studi pubblicati sul British Medical Journal aveva identificato 25 studi clinici controllati con placebo con oltre 11.000 partecipanti [12].
La loro conclusione è stata chiara: tra i più carenti di vitamina D, coloro che hanno avuto la fortuna di ricevere dosi adeguate di vitamina D ogni giorno hanno avuto un 50% (47% esatto) di rischio ridotto di contrarre un'infezione respiratoria. Dato che il Covid è un'infezione respiratoria, c'erano buone possibilità che funzionasse!

PREVENZIONE: La vitamina D ridurrebbe la gravità della malattia!

Naturalmente, un buon livello di vitamina D nel sangue non è una protezione al 100% contro le infezioni. Ma anche se siete infetti, vi proteggerebbe anche da forme gravi! Torniamo allo studio israeliano di cui parlavamo. Ebbene, tra i casi positivi, quelli che avevano livelli accettabili di vitamina D avevano la metà delle probabilità di essere ricoverati in ospedale!

Risultati simili con pazienti tedeschi sono stati pubblicati sulla rivista Nutrients lo scorso agosto [13]. I pazienti con una carenza molto grave di vitamina D (meno di 12 ng/mL) avevano 6 volte più probabilità di essere intubati rispetto agli altri e 15 volte più probabilità di morire! I ricercatori di tutto il mondo hanno trovato lo stesso tipo di risultati!

In uno studio iraniano [14], i pazienti covid carenti di vitamina D (meno di 30 ng/mL) avevano un rischio di morte tre volte superiore rispetto a quelli con un buon livello di vitamina D nel sangue (superiore a 40 ng/mL). Stesse osservazioni in Italia [15], Regno Unito [16], Belgio [17] e Messico [18].
Naturalmente si deve riconoscere che i pazienti con carenza di vitamina D hanno probabilmente altri problemi di salute che li rendono più vulnerabili alla Covid19. Ma questo non spiega tutto... soprattutto perché abbiamo anche uno studio randomizzato, in doppio cieco!

Risultati incredibili da uno studio spagnolo randomizzato!

I risultati del primo studio randomizzato sono semplicemente straordinari.
I ricercatori spagnoli hanno diviso in due un gruppo di 76 pazienti ricoverati per Covid [19] :
Due terzi hanno ricevuto grandi dosi di un analogo della vitamina D3;
Un terzo ha ricevuto un semplice placebo.

Risultato:
Nel gruppo placebo, la metà (50%) dei pazienti è andata in terapia intensiva; Mentre solo il 2% nel gruppo della "vitamina D", Inoltre, nessun paziente del gruppo della vitamina D è morto, rispetto all'8% del gruppo del placebo!
Questo è tanto più scioccante in quanto probabilmente potremmo ottenere risultati ancora migliori con altre molecole naturali che sono preziose per il sistema immunitario, come lo zinco [20], la vitamina C o il magnesio!

Un piccolo studio a Singapore ne è la testimonianza.
I pazienti ospedalizzati che hanno ricevuto la vitamina D, il magnesio e la vitamina B12 hanno richiesto solo il 18% di ossigeno, rispetto al 61% di coloro che non hanno ricevuto queste vitamine e minerali elementari [21]!

Un recente studio ha identificato 6 vitamine (D, A, C, B9, B6, B12) e 4 minerali (zinco, ferro, rame, selenio) preziosi per il sistema immunitario.
Ebbene, i paesi europei con la più alta carenza di D, C, B12 e Ferro hanno un rischio maggiore di incidenza e/o mortalità di COVID [22].
Per questo consiglio a tutti, fin dall'inizio dell'epidemia, di prendere un buon integratore multivitaminico!
È semplice buon senso: meno il nostro corpo è carente di vitamine e minerali, più è forte e resistente alle infezioni!
Ma nel nostro folle mondo si parla solo di maschere, di confinamento o di vaccini!
Mentre noi abbiamo a portata di mano soluzioni semplici ed economiche.

Fonti

[1] https://www.insider.com/fauci-takes-recommends-vitamin-d-and-c-supplements-immunity-boost-2020-9

[2] https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27861708/

[3]https://torino.repubblica.it/cronaca/2020/03/26/news/coronavirus_studio_dell_universita_di_torino_assumere_piu_vitamina_d_per_ridurre_il_rischio_di_contagio-252369086/?ref=RHPPTP-BH-I252393293-C12-P5-S4.4-T1

[4] https://www.foxnews.com/opinion/former-cdc-chief-tom-frieden-coronavirus-risk-may-be-reduced-with-vitamin-d

[5] https://www.preprints.org/manuscript/202003.0235/v1

[6] http://www.academie-medecine.fr/communique-de-lacademie-nationale-de-medecine-vitamine-d-et-covid-19/

[7] https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0239252


[8] https://www.grassrootshealth.net/blog/new-study-shows-53-lower-covid-19-positivity-rate-among-higher-vitamin-d-levels

[9] https://www.boston25news.com/news/health/boston-university-study-finds-vitamin-d-reduces-covid-19-risk/JYRFEMYN7JC33IQ4JTSLY5JY6U/

[10] https://febs.onlinelibrary.wunivadis.co.uk/viewarticle/eccvid-2020-lower-plasma-zinc-levels-associated-with-increased-risk-of-death-in-covid-19-patients-729760

[21] https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.06.01.20112334v2

[22] https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32911778/iley.com/doi/10.1111/febs.15495

[11]https://www.mdpi.com/2072-6643/12/5/1359/htm

[12]https://www.bmj.com/content/356/bmj.i6583

[13] https://www.mdpi.com/2072-6643/12/9/2757

[14] https://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=3616008

[15] https://link.springer.com/article/10.1007/s40618-020-01370-x

[16]https://pmj.bmj.com/content/early/2020/09/15/postgradmedj-2020-138712?rss=1

[17]https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.05.01.20079376v2

[18]https://www.medigraphic.com/pdfs/sanmil/sm-2020/sm201_2za.pdf